Indice

Indicazione statistica

Ed infine ancora qualche indicazione statistica della Cassa pensione Novartis 1 che si può dedurre anche dal rapporto attuariale del perito: al 31 dicembre 2020 erano assicurate 12 118 persone (anno precedente: 12 319). Queste erano da paragonare con 14 896 aventi diritto ad una rendita (anno precedente: 15 091), dei quali 9 482 percepivano una rendita di vecchiaia, 354 una rendita d'invalidità e 4 630 una rendita vedovile. Altre 430 rendite in corso erano per orfani, figli d'inva­lidi e di pensionati. Il reddito medio di un pensionato ammontava a CHF 40 638 (anno precedente: 40 617).

Grado di copertura

Dal rapporto tra il patrimonio vincolato ed il patrimonio libero si ricava il grado di copertura. In base alla presen­tazione applicata dalle Autorità di vigilanza secondo l'art. 44 cpv. 1 OPP2 risulta un grado di copertura del 117.4%. Ciò significa che la situazione finanziaria è stata notevolmente rafforzata rispetto all'anno precedente e che le riserve di fluttuazione del valore sono al loro livello nominale. La capacità di rischio della Cassa pen-sioni Novartis 1 è quindi illimitatamente accertata nell'ambito della sua strategia d'investimento. Allo stes­so tempo, l'accantonamento di 369 milioni di franchi effettuato nell'anno precedente è stato utilizzato per rafforzare nuovamente la base di capitale per gli obbli­ghi previdenziali (nell'ambito di un ulteriore adegua­mento del tasso d'interesse tecnico). Il grado di coper­tura riflette anche i significativi aumenti del capitale di copertura delle rendite degli ultimi anni e gli accanto­namenti supplementari che hanno dovuto essere stan­ziati per finanziare gli apporti di compensazione in rela­zione all’adeguamento dell'aliquota di conversione (con effetto dal 1o gennaio 2016). Con tutte queste misure si è potuto di conseguenza tener conto del livello bassis­simo da record dei tassi d'interesse e dell'aspettativa di vita sempre in aumento.

Performance

Dopo le turbolenze causate dalla pandemia del COVID­19 alla fine del primo trimestre, nel secondo trimestre le ampie misure monetarie e fiscali adottate da numerosi governi e banche centrali hanno iniziato ad avere un ef­fetto stabilizzante. I risultati positivi degli studi sui vac­cini e i miglioramenti dei dati economici hanno aiutato i mercati azionari dei principali paesi industriali e della Cina a riprendersi, il che è durato fino al terzo trimestre e ha parzialmente compensato le perdite. Dopo una partenza sottotono nel quarto trimestre, all'inizio di no­vembre i mercati azionari hanno iniziato una nuova corsa al rialzo e hanno concluso il 2020 con una nota positiva, alimentata dall'inizio dei programmi di vacci­nazione COVID negli Stati Uniti e nel Regno Unito, dall’approvazione di un nuovo piano di ripresa negli Stati Uniti e da un'ulteriore espansione del sostegno della politica monetaria da parte della BCE. Un effetto stimolante alla fine dell’anno l’ha avuta anche la conclu­sione positiva dei colloqui commerciali tra l'UE e il Re­gno Unito. Per le obbligazioni, quelle delle societarie globali hanno fatto registrare il rendimento più alto.

Nel complesso, con contributi positivi da tutte le classi d’investimento, ad eccezione della liquidità, la Cassa pensioni Novartis 1 ha conseguito una performance an­nua del 6.53% e ha superato così il relativo valore di confronto Benchmark (del 6.14%) di 39 punti di base.

 

Siete interessati ad ulteriori informazioni?

In qualità di affiliato alle Casse pensioni Novartis può richiedere il conto annuale dettagliato 2020 presso l’amministrazione della Cassa pensione.

+41 61 324 24 20 e­mail:
markus-pk.mosernovartis.com